Lorenzo Petrini, il gol vittoria sul campo del Forlimpopoli è stata un’autentica prodezza: una rovesciata da bomber di altra categoria.

“E’ nata una bella azione sulla trequarti, poi Simone Braccini ha servito palla sull’out destro Quaranta il cui cross al centro area è stato perfetto. Io ero lì, non ero marcato stretto, d’istinto ho pensato di fare quella giocata: mi sono coordinato bene, ho colpito con il piede destro di collo pieno e la palla ha preso la traiettoria giusta. Mi è andata bene. E’ stato il mio primo gol della stagione, di solito ne faccio un paio: spero in questo campionato di migliorare il mio bottino aanche se il sottoscritto è un centrocampista più di interdizione e in fase offensiva cerco di portare il mio contributo soprattutto con gli assist per gli attaccanti”.

Una vittoria importante, sul campo di una diretta rivale per il primo posto, cosa che vi era riuscita anche con il Fratta Terme.

“Abbiamo sfoderato una prestazione convincente, rischiando poco di fronte ad un avversario di valore. L’espulsione di Diop sul finire del primo tempo ci ha indubbiamente agevolati, abbiamo tenuto il pallino del gioco e nella parte finale del match abbiamo trovato la rete per tre punti fondamentali”.

Lei è alla decima stagione complessiva alla Sampierana, ma non ha vinto un campionato. Sarà la volta buona?

“Lo spero, io e i miei compagni, da quelli della vecchia guardia a tutti gli altri, lottiamo per questo traguardo. Il compito è molto difficile perchè al contrario della stagione scorsa che è vissuto su un duello tra il Gambettola e noi, quest’anno le pretendenti sono diverse: ci sono squadre più competitive, il livello tecnico si è alzato, anche in coda tutte o quasi possono fare punti”.

Qual è l’avversario più pericoloso? Viene da dire il Cattolica che ha messo il turbo con cinque vittorie di fila e vi ha rosicchiato sei punti.

“Il Cattolica con gli innsesti sul mercato di dicembre ha un rosa di assoluto valore. Non vedo un avversario più pericoloso di altri; per me Faenza, Fratta Terme, Cattolica, Forlimpopoli sono sullo stesso piano. La cosa importante è che la Sampierana sia leader, ha dai tre ai cinque punti di vantaggio sulle rivali, un margine esiguo, certo, ma importante. E più che alle rivali e al loro cammino, dobbiamo guardare in casa nostra”.

Ora vi aspetta il Classe a San Piero.

“Un avversario molto pericoloso, che ha vinto quattro volte in trasferta raccogliendo 14 punti dei 32 totali. Noi in casa dobbiamo tornare a fare la voce grossa, con tre sconfitte ed un pareggio abbiamo già lasciato troppi punti”.

Intanto per domenica sono tutti disponibili. Rientrato dalla squalifica Pippi, Quercioli e Davide Braccini, da valutare le condizioni di Berni.

Fonte: Press Rimini Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *