Con l’avvento delle festività e la contemporanea sosta natalizia delle competizioni quale miglior occasione di dare la parola al condottiero biancorosso, mister Matteo Vespignani: Come da previsioni si sta rivelando un campionato, al netto della capolista Bagnolo, molto equilibrato – spiega il tecnico – ci sono compagini come la nostra che insegue la capolista al secondo posto però ha dovuto incassare la doppia eliminazione dalle coppe, mentre altre compagini che in campionato risultano più attardate ma invece sono riuscite ad accedere alle semifinali delle due Coppe. Io non posso che ritenermi soddisfatto ed orgoglioso del secondo posto in campionato ma sono consapevole che per confermarci dovremo sudare le cosiddette sette camicie visto il livellamento verso l’alto degli organici delle nostre avversarie”.
Ma oltre i risultati sportivi al tecnico forlivese preme concentrarsi sugli obiettivi di crescita del gruppo a lui affidato: “Sul lato umano non posso che ritenermi soddisfatto – continua Vespignani – ho un gruppo di ragazzi, a partire dai più esperti ad arrivare quelli più giovani, con una grande cultura del lavoro che si è sempre messa a mia completa disposizione con serietà ed entusiasmo. Sotto l’aspetto caratteriale forse in qualche occasione siamo risultanti “troppo buoni” e lavoreremo per migliorare la cattiveria agonistica fondamentale per ottenere certi risultati. Questo è un gruppo, giocatori e società, che dal punta di vista umano è eccezionale e sono onorato di esserne alla guida”.

Ma mai sentirsi appagati con uno sguardo attento al futuro prossimo con un inizio di 2023 che vedrà il Forlì affrontare subito Bagnolo e Sassuolo, la prima e la terza in classifica, due partite che diranno a che tipo di girone di ritorno potranno ambire i galletti: “Sportivamente parlando la doppia eliminazione dalle coppe ci ha fatto arrabbiare, ecco questa rabbia agonistica dobbiamo ribaltarla sul campo – carica il gruppo il mister – porsi degli obiettivi precisi forse non è corretto, gli obiettivi portano a delle aspettative e queste poi vanno mantenute. Credo il nostro percorso debba essere quello di continuare a lavorare bene, di continuare ad essere un gruppo e soprattutto di continuare a divertirci per alla fine non avere rimorsi e ritenerci soddisfatti di quello che abbiamo costruito, poi sarà il campo a dare i suoi verdetti ed in un campionato con 5/6 squadre di questo livello, considerando che da sempre il girone di ritorno è più livellato considerando che le squadre che già si conoscono, si può si incappare in qualche passo falso ma l’importante sarà rimanere fiduciosi e consapevoli delle nostre potenzialità sia tecniche che umane”.

“Ci tengo a fare i migliori auguri di un sereno Natale a tutti i nostri tifosi, amici e familiari che ci seguono e sostengono con affetto – conclude il mister – con la promessa di continuare ad onorare al meglio questa maglia come fatto fino ad oggi”.

Ufficio Stampa Forlì Calcioa5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.